Attendere prego…

HOME SOSTIENI CHI SIAMO NEWS CONTATTI LINK FAQ ENGLISH MEMORIALE DELLA SHOAH KIT DIDATTICO TESTIMONIANZE MOSTRE ITINERANTI PIETRE D'INCIAMPO SEMINARI GIORNO DELLA MEMORIA EVENTI DALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK SEZIONI

ASSOCIAZIONE
FIGLI DELLA SHOAH

LUCIANA NISSIM MOMIGLIANO

 

 

Luciana Nissim nasce il 20 ottobre 1919 a Torino in una

famiglia colta e agiata. Di origine ebrea riscopre i suoi le-

gami con l’ebraismo a seguito delle leggi razziali del 1938

e prende a frequentare la biblioteca della scuola ebraica

dove incontra tra gli altri quelli che saranno gli amici del-

la vita: i fratelli Artom, Franco Momigliano (che diventerà

suo marito), Vanda Maestro, Eugenio Gentili Tedeschi, Pri-

mo Levi, Giorgio Segre, Giorgio Diena, Alberto Salmoni e

Bianca Guidetti Serra.

Dopo l’8 settembre 1943, con la famiglia e l’amica Van-

da si rifugia in Val d’Aosta, dove, dopo qualche tempo, le

due ragazze entrano in contatto con la banda partigiana

in formazione di cui fa parte anche Primo Levi e che tra il

12 e 13 dicembre subisce un rastrellamento fascista che

porterà i tre amici prima nelle carceri di Aosta e quindi a

Fossoli.

A Fossoli a loro tre si unisce Franco Sacerdoti e i quattro

diventano inseparabili. Insieme salgono sul convoglio che

il 22 febbraio parte per Auschwitz.

All’immatricolazione nel Lager di Birkenau Luciana dichiara

di essere medico e questo contribuisce alla sua salvezza:

viene destinata al Revier, l’infermeria del campo, dove si

rende conto dell’inutilità del suo lavoro, ma è risparmiata

dal ritmo mortale della vita del campo.

Alla fine di agosto si offre volontaria come medico per

Hessisch Lichtenau, campo di lavoro dipendente da Bu-

chenwald, e da qui, grazie a un elettricista italiano, riesce

a far pervenire una cartolina a Franco Momigliano. Resta

nel campo fino a quando l’avanzata degli alleati costringe

le SS all’evacuazione dei campi. Durante un trasferimento

decide di scappare e con una ragazza slovacca trova rifu-

gio presso una fattoria fino alla guerra: “io dico che era il

25 aprile [...]”.

Presta il suo lavoro di medico in un campo di raccolta di

deportati a Grimma fino all’estate. Ritrova la libertà scri-

vendo ancora a Franco, legando l’esperienza appena pati-

ta, che già sta diventando memoria, allo slancio verso una

vita libera: “ Sono stata deportata nel campo di concen-

tramento più terribile del mondo, Auschwitz, in Alta Slesia,

Polonia - è stato tutto molto duro e pericoloso, ma lo vedi,

sono una dei non molti che ne sono usciti. Ed è così bello

essere vivi e liberi. Ed è così strano poterti scrivere che

non riesco a dirti niente, [...] Ciao Franco - è troppo bello

pensare che ti rivedrò.”

La relazione con l’altro è colta con immediatezza quale

elemento di costruzione della propria identità su cui si mi-

sura nel campo la perdita di sé e al ritorno il rinascere della

voglia di vivere.

Il 20 luglio 1945 arriva a Biella. Porta immediatamente la

sua testimonianza componendo insieme a Pelagia Lewin-

ska il libro a due voci Donne contro il mostro che esce per

l’editore Ramella nel 1946: Luciana sceglie per il suo pez-

zo il significativo titolo Ricordi della casa dei morti. Poi non

parlerà più, riconoscendo all’amico Levi il ruolo di testi-

mone per tutti. Nel novembre 1946 si sposa con Franco,

con cui condividerà il dolore per una bambina nata morta

(Vanda) e poi la gioia di un figlio (Alberto).

Dopo aver diretto a Ivrea l’asilo nido della Olivetti, si trasfe-

risce con il marito a Milano, dove studia con Franco For-

nari e Cesare Musatti diventando figura importante della

psicoanalisi in Italia. Nel suo lavoro trasferisce l’esperienza

accumulata e l’ascolto diventa perno di un’attività segnata

da un bisogno di parola che è scambio.

Muore a Milano nel 1998. I suoi documenti sono ora de-

positati all’Istituto piemontese della Resistenza, dopo che

Alessandra Chiappano li ha raccolti e studiati con la sen-

sibilità della storica impegnata, tra i pochi, allo studio della

deportazione femmiile e che qui ricordiamo con affetto e

riconoscenza.

 

Centro Studi Fondazione Fossoli