Attendere prego…

HOME SOSTIENI CHI SIAMO NEWS CONTATTI LINK FAQ ENGLISH MEMORIALE DELLA SHOAH KIT DIDATTICO TESTIMONIANZE MOSTRE ITINERANTI PIETRE D'INCIAMPO SEMINARI GIORNO DELLA MEMORIA EVENTI DALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK SEZIONI

ASSOCIAZIONE
FIGLI DELLA SHOAH

Arminio WAchsberger

 

Un giorno mi feci coraggio e mi rivolsi a Mengele, che in quel momento era stordito dall'alcool.
"Signor Obersturmbannfürer dov'è la mia famiglia, mia moglie e mia figlia di 5 anni?"
Si mise a ridere dicendo: "Veramente non sai dove è la tua famiglia?".
"C'è qualcuno che dice che siano tutti morti, ma non so se sia la verità. Altri invece dicono che sono in campi di lavoro qui vicino. Qual'è la verità? "
Allora lui disse: "Wir branche nur Arbeitstiere" che in italiano vuole dire "Noi abbiamo bisogno solo di bestie da lavoro, quindi quelli che non possono lavorare vengono eliminati".
"Ma guardi che mia moglie aveva circa la mia età quindi avrebbe potuto benissimo lavorare anche lei".
"No", - rispose, "lei dice che aveva una bambina di 5 anni; la bambina non ci serve quindi la eliminiamo, ma una madre, sapendo che la propria figlia è stata ammazzata non può più lavorare".
Allora gli chiesi tra le lacrime: "Ma cosa ha fatto la bambina per meritare questa fine?" Disse: " È ebrea".
"Und das genugt? E questo basta?" - dissi io, e continuai - "allora perché non l'avete ammazzata a Roma, che bisogno c'era di farle fare un viaggio di sei giorni, portarla qui per poi ammazzarla? "
E lui rispose: " Eh no, non potevamo fare questo tra gente civile".

Arminio Wachsberger
da L'interprete di Auschwitz
Guerini Ed