Shoah: l'infanzia rubata

Mostra itinerante realizzata dall’Associazione Figli della Shoah.

La mostra ripercorre idealmente la negazione dei diritti dei bambini ebrei durante gli anni della persecuzione nazifascista.
Le piccole vittime innocenti della Shoah furono un milione e mezzo.

Attraverso la negazione dei diritti fondamentali dell’infanzia, quali il diritto al gioco, alla libertà all’identità, alla tutela, alla dignità, alla salute, all’istruzione e, non da ultimo, alla vita, vengono messe in evidenza le dure condizioni e le terribili costrizioni alle quali erano sottoposti i bambini e i ragazzi di religione ebraica durante quegli anni. Si contrappone a tale orrore la grande figura del pedagogista polacco Janusz Korczak, ispiratore dell’attuale Convenzione sui diritti dell’infanzia, che lottò fino all’ultimo per alleviare le sofferenze dei bambini dell’orfanotrofio di Varsavia da lui fondato e diretto. Diversi pannelli della mostra sono corredati da estratti delle sue pubblicazioni e illustrano le fasi del suo impegno morale ed educativo.

Dati tecnici
44 tele fotografiche di dimensioni 70x100cm.

Include
Catalogo della mostra e Kit didattico multimediale di approfondimento.


Sei interessato a richiedere la mostra?

richiedi l’iscrizione

Condividi su