Attendere prego…

HOME CHI SIAMO NEWS SOSTIENI CONTATTI LINK FAQ ENGLISH GIORNO DELLA MEMORIA EVENTI PIETRE D'INCIAMPO MOSTRE ITINERANTI SEMINARI e FORMAZIONE TESTIMONIANZE KIT DIDATTICO PODCAST SPUNTI DIDATTICI FOCUS SEZIONI LOGIN

ASSOCIAZIONE
FIGLI DELLA SHOAH

Sami Modiano

Sami Modiano, la pace negli occhi

di Maria Luisa Colledani

 

Dalla bellezza dell'isola di Rodi all'inferno di Auschwitz-Birkenau: Sami Modiano ha 14 anni quando, nell'agosto 1944, viene rinchiuso nel campo di sterminio. È con papà Giacobbe e la sorella Lucia che non ce la faranno a sopravvivere. Sami è prostrato, debolissimo, viene selezionato per le camere a gas ma lo salva un treno di patate da scaricare. Il 27 gennaio 1945 ritrova la libertà con l'ingresso dell'Armata Rossa ad Auschwitz. Arriva in Italia, a Ostia, cerca fortuna nel Congo Belga e ritrova la sua amata Rodi. Dal 2005, è instancabile testimone della Shoah e a tutti noi ripete la frase che papà Giacobbe gli disse nel lager: “Tieni duro, Sami, tieni duro: tu ce la devi fare”.