Attendere prego…

HOME CONTATTI CHI SIAMO NEWS SOSTIENI LINK FAQ ENGLISH GIORNO DELLA MEMORIA EVENTI PIETRE D'INCIAMPO MOSTRE ITINERANTI SEMINARI e FORMAZIONE TESTIMONIANZE KIT DIDATTICO PODCAST SPUNTI DIDATTICI FOCUS SEZIONI LOGIN

ASSOCIAZIONE
FIGLI DELLA SHOAH

Nedo Fiano

Il tempo si è fermato ad Auschwitz.
Dopo una vita quel " non luogo" è duro, arcigno, severo come allora.
Sono lì in visita.
Io sono cambiato, lui no.
Mancano gli Häftlinge, gli SS, i cani...
Avverto la severità e il silenzio di un grande cimitero; la gola mi si secca, gli occhi si inumidiscono, la mente va lontano e ricostruisce quello che il tempo e gli uomini hanno distrutto.
Penso al tempo andato e al timore per i molti fantasmi che ancora si muovono nel nostro tempo.
Stento ad andarmene, ho ancora uno strano sentire da prigioniero che non sa, che non può lasciare quel luogo di dolore.
Molti sono i pensieri che si affollano, si accalcano nella mia mente: i miei cari, gli amici, me stesso.
Non riesco a piangere.
Ma è esistito davvero il lieto fine?

Nedo Fiano
Da A5405 il coraggio di vivere